Agenzia Entrate Riscossione : avviso presa in carico impugnabile a determinate condizioni.

L’ Avviso di presa in carico ( ***Atto con il quale l’ Agenzia Entrate-Riscossione comunica al Contribuente di aver ricevuto in carico le somme dell’accertamento esecutivo emesso dall’ Agenzia delle Entrate ) è atto impugnabile , posto che lo stesso non ha solo un contenuto informativo , ma anche funzione contestativa e sollecitatoria, sì da poter essere paragonato, sul piano sostanziale, all’Intimazione di pagamento.

L’ Avviso di presa in carico è impugnabile soltanto in caso di mancata notifica dell’atto presupposto oppure per vizi propri.

CTP Roma sentenza n. 2575 del 30-01-2018

 

***DECRETO LEGGE 78/2010 convertito in LEGGE 122/2010

Art. 29 Concentrazione della riscossione nell’accertamento

Comma 1 : Le attività di riscossione relative agli atti indicati nella seguente lettera a) emessi a partire dal 1° ottobre 2011 e relativi ai periodi d’imposta in corso alla data del 31 dicembre 2007 e successivi, sono potenziate mediante le seguenti disposizioni:

  • a) l’avviso di accertamento emesso dall’Agenzia delle Entrate ai fini delle imposte sui redditi, dell’imposta regionale sulle attività produttive e dell’imposta sul valore aggiunto ed il connesso provvedimento di irrogazione delle sanzioni, devono contenere anche l’intimazione ad adempiere, entro il termine di presentazione del ricorso, all’obbligo di pagamento degli importi negli stessi indicati, ovvero, in caso di tempestiva proposizione del ricorso ed a titolo provvisorio, degli importi stabiliti dall’articolo 15 del DPR 602/1973. L’intimazione ad adempiere al pagamento è altresì contenuta nei successivi atti da notificare al contribuente, anche mediante raccomandata con avviso di ricevimento, in tutti i casi in cui siano rideterminati gli importi dovuti in base agli avvisi di accertamento ai fini delle imposte sui redditi, dell’imposta regionale sulle attività produttive e dell’imposta sul valore aggiunto ed ai connessi provvedimenti di irrogazione delle sanzioni ai sensi dell’articolo 8, comma 3-bis del DLGS 218/1977, dell’articolo 48, comma 3-bis, e dell’articolo 68 del DLGS 546/1992, e dell’articolo 19 del DLGS 472/1997, nonché in caso di definitività dell’atto di accertamento impugnato. In tali ultimi casi il versamento delle somme dovute deve avvenire entro sessanta giorni dal ricevimento della raccomandata; la sanzione amministrativa prevista dall’articolo 13 del DLGS 471/1997, non si applica nei casi di omesso, carente o tardivo versamento delle somme dovute, nei termini di cui ai periodi precedenti, sulla base degli atti ivi indicati;
  • b) gli atti di cui alla lettera a) divengono esecutivi decorso il termine utile per la proposizione del ricorso e devono espressamente recare l’avvertimento che, decorsi trenta giorni dal termine ultimo per il pagamento, la riscossione delle somme richieste, in deroga alle disposizioni in materia di iscrizione a ruolo, è affidata in carico agli agenti della riscossione anche ai fini dell’esecuzione forzata, con le modalità determinate con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, di concerto con il Ragioniere generale dello Stato. L’esecuzione forzata è sospesa per un periodo di centottanta giorni dall’affidamento in carico agli agenti della riscossione degli atti di cui alla lettera a); tale sospensione non si applica con riferimento alle azioni cautelari e conservative, nonché ad ogni altra azione prevista dalle norme ordinarie a tutela del creditore. La predetta sospensione non opera in caso di accertamenti definitivi, anche in seguito a giudicato, nonché in caso di recupero di somme derivanti da decadenza dalla rateazione. L’agente della riscossione, con raccomandata semplice o posta elettronica, informa il debitore di aver preso in carico le somme per la riscossione;
  • c)……..
No tags for this post.
Precedente Condominio : cartella nulla se l' Avviso accertamento ICI non è notificato all'amministratore. Successivo Ctr Palermo: nel giudizio il concessionario deve depositare l'originale della cartella.