Impugnazione : la scelta del contribuente.

L’ art. 19 comma 3 DLGS 546/1992 consente al contribuente di scegliere se impugnare SOLO l’atto consequenziale notificatogli, facendo valere il vizio derivante dall’ omessa notifica dell’ atto presupposto, O SE impugnare cumulativamente anche quello presupposto,facendo valere i vizi che inficiano quest’ultimo, per contestare radicalmente la pretesa tributaria, MA NON gli preclude la possibilità di far valere detti vizi solo dopo che abbia avuto legale conoscenza dell’ atto.

Cassazione Civile n. 20735 del 01/08/2019

Precedente Cassazione: nel processo tributario Agenzia Riscossione non può costituirsi con avvocato libero foro. Successivo Notifica cartella irreperibile : va provata con produzione in giudizio della cad ( comunicazione avviso deposito )

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.