La causale “omesso o carente versamento” rende nulla la cartella per difetto di motivazione.


La mera indicazione nella causale di quanto richiesto con la cartella di “omesso o carente versamento” non consente, infatti, di desumere se l’erario abbia tenuto conto o meno di quanto già versato dal contribuente per il condono ex art. 9 bis della 1. n. 289/2002, non perfezionatosi.

Quanto sopra ritenuto dal giudice di merito è in linea con l’orientamento di questa Corte espresso in controversia similare , nella quale si è osservato che la mera causale, in sé contraddittoria, di “omesso o carente versamento” non soddisfa il requisito di una sufficiente motivazione.

Cassazione Civile ordinanza n. 1280 del 19-01-2018

Precedente Il rilascio degli estratti di ruolo non determina il termine ultimo per impugnare il ruolo. Successivo Senza termine impugnazione Intimazione di pagamento crediti contributivi prescritti.