Tributario: la rateizzazione non costituisce acquiescenza.

In materia tributaria, non costituisce acquiescenza, da parte del contribuente, l’aver chiesto ed ottenuto, senza alcuna riserva, la rateizzazione degli importi indicati nella cartella di pagamento, atteso che non può attribuirsi al puro e semplice riconoscimento d’essere tenuto al pagamento di un tributo, contenuto in atti della procedura di accertamento e di riscossione (denunce, adesioni, pagamenti, domande di rateizzazione o di altri benefici), l’effetto di precludere ogni contestazione in ordine all’ “an debeatur”, salvo che non siano scaduti i termini di impugnazione e non possa considerarsi estinto il rapporto tributario.

Cassazione Civile ordinanze n. 31484 e n. 31486 del 3-12-2019

Precedente Cassazione : estratto di ruolo ed interesse ad agire. Successivo Processo tributario : perentorio il termine produzione documenti.