Avviso accertamento:la motivazione non può essere integrata o modificata in corso di giudizio.

L’ Ufficio accertatore non può modificare e/o integrare il presupposto della propria pretesa originariamente contenuta nell’accertamento, poiché è solo tale motivazione che delimita i confini della lite , atteso che le ragioni poste a base di un atto impositivo non possono essere oggetto di modifica e/o di integrazione durante la fase contenziosa, in quanto la difesa del ricorrente si concentra su quanto illustrato nella motivazione.

L’obbligo di idonea e completa motivazione , previsto dall’art. 7 della legge n. 212 del 2000, mira a garantire al contribuente il pieno ed immediato esercizio delle sue facoltà difensive nella fase del giudizio di impugnazione, le quali, se non correttamente esplicitate, non possono essere successivamente integrate, atteso che in tal modo risulterebbe illegittimamente compromesso il diritto di difesa.

Cassazione Civile sentenza n. 2382 del 31-01-2018

Precedente L' Agente Riscossione non può attestare la conformità all'originale della fotocopia avviso ricevimento postale. Successivo L' intimazione di pagamento dell' Agente Riscossione è atto autonomamente impugnabile.

Lascia un commento

*