Il prospetto postale NON prova notifica cartella esattoriale

Come già spesso verificatosi in altre circostanze gli Uffici citati dai ricorrenti si limitano, come nella fattispecie, a produrre una massa ponderosa di prospetti con i quali verrebbe provata la notifica di atti tributari mediante il loro affidamento al servizio postale .

In questa come in altre fattispecie aver inondato la Commissione dei citati prospetti non è sufficiente a documentare la corretta e tempestiva notifica delle cartelle di cui si discute, non essendo stata provata, attraverso la necessaria produzione di copia dei rispettivi avvisi di ricevimento firmati dal contribuente destinatario o da persona legittimamente abilitata alla ricezione, l’effettiva notifica delle cartelle stesse.

Commissione Tributaria Provinciale Roma sentenza n. 2531 dell’ 8.03.2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

GIURISPRUDENZA TRIBUTARIA PRO CONTRIBUENTE
INVIA